Translate

mercoledì 6 novembre 2013

Bravi

2ndo posto per Fabio - categoria veterans
Domenica 3 novembre si è svolto a Roma il 3zo campionato italiano di Jiu Jitsu brasiliano organizzato dalla FIGMMA.
Il nostro team ha partecipato con 2 atleti: Fabio e Valerio.

Fabio ha partecipato in 2 categorie: Veterans e Senior.
Non più giovincello, ma comunque coriaceo e fisicamente preparato, Fabio ha accettato di combattere nella categoria veterans con atleti di più alto grado e con un peso maggiore del suo.
La sua performance è stata discreta ed ha messo in risalto le sue qualità e i molti angoli da smussare, qualora anche delle basi da erigere e solidificare.
Su 3 atleti Fabio raggiunge il 2ndo posto dunque perdendo il primo match, comunque senza essere finalizzato, e vincendo il 2ndo per una pregevole tecnica di proiezione.

Nella categoria senior Fabio subisce la tecnica dell'avversario anche se poi reagisce a suo modo, con attenzione e gagliardia. Anche in questo incontro senza essere sottomesso, ma perdendo ai punti.
A fine giornata abbiamo analizzato ciò che, inevitabilmente, Fabio dovrà apprendere con maggior cura ed attenzione.
Bravo Fabio, che hai sempre accettato la sfida con coraggio, determinazione e spesso con leggera ironia.

E bravo Fabio per non aver ceduto dopo molteplici birre...prima dell'incontro (naturalmente...scherziamo).

Valerio si è cimentato in una gara che è stata il suo debutto nel Jiu Jitsu brasiliano. Ha gareggiato nella categoria senior, cinture bianche classe D. Mancando il peso per poco, ha comunque accettato di gareggiare nella categoria superiore.
Il ragazzo ha pochi mesi di pratica ma fisicità e molta gagliardia. Ha perso il suo 1mo ed unico incontro solo a 10 secondi dalla fine, non sfruttando il regolamento della FIGMMA stessa.
Al di là dello scoramento, condivisibile, di Valerio, abbiamo potuto notare un pregevole uso della guardia aperta e lo sviluppo di una solida base delle prese e del controllo.
Analizzata la performance, abbiamo già affrontato le prossime strategie per migliorare il suo gioco e le sue possibilità di attacco.
Bravo Valerio!