Translate

domenica 30 dicembre 2012

Buona fine, buon inizio

Ancora deve finire, ancora deve iniziare.
Un anno che tende al termine non è ancora concluso ed un anno che deve ancora nascere non è ancora iniziato.

Dunque, l'essenza di questo messaggio è semplicemente quello di tendere a vivere nel presente, attraverso la corretta disposizione, il corretto sforzo, nel presente, nel qui-ed-ora.
Per questo prediligiamo lo stato vigile, attento e la presenza richiede una costanza che sposa una corretta disciplina.
Naturalmente questa è la mia visione che non è così originale poiché ispirata dalle migliaia di ore di pratica di essere umani straordinari, a cui tutti possiamo ispirarci.
L'arte marziale che pratichiamo è si una disciplina sportiva, ma non è solo per giovani. Uno strumento è uno strumento: esso si lascia avvicinare a chi lo vuole conoscere ma pretende a chi lo vuole esperire.

Il Jiu Jitsu ha a che fare con la perseveranza, la sofferenza, il dolore, l'ingegno, la destrezza, la pressione, il fiato, l'alimentazione, il condizionamento fisico e mentale, la concentrazione, la pazienza, la speranza, l'attimo, la perdita, l'inganno, la strategia, la condivisione, la negatività, l'esultanza, l'amicizia, il ripudio, l'indifferenza, l'energia, l'adattabilità e numerose altre qualità che qui, spudoratamente, ho omesso o ancora non ho esplorato.

La nostra scuola si sta evolvendo forse in una forma nuova oppure si sta consolidando...questo ancora non mi è dato di saperlo. Forse altre collaborazioni condite da alcune visioni, forse altre possibilità ma nessuna di queste è ora una realtà. Per quanto immediata sia, non è ancora il presente.

Dunque, a tutto lo Zanshin Kai Jiu Jitsu e chi ci gravita attorno, non possiamo che augurare il meglio e incitare a godere quello che il presente ci offre poiché esso, si, è sfuggevole...quanto una presa, quanto una sottomissione fallita, quanto una fuga mal gestita, quanto un attacco ritardato.

La presenza ha a che fare con la felicità e questa...è soprattutto un atto di responsabilità che in primis si pratica da soli, con la propria esistenza.

A presto!

Gian Paolo Doretti