Translate

sabato 9 giugno 2012

Portogallo, Amici & Jiu Jitsu

ospite della Pound for Pound, a Lisbona
Grazie al mio amico Luigi, romano doc ma trasferitosi a Cascais, ho goduto della presenza di Fabio Fetter, faixa preta sotto Fabio Canudo, ed ho partecipato ad una aula (classe) di puro Jiu Jitsu.
Fabio e i suoi ragazzi sono stati molto disponibili ed ho potuto apprezzare un livello tecnico semplice ma ricco di dettagli, solido, senza fronzoli.
Fabio ci ha proposto 2 tecniche dalla 1/2 guardia, un passaggio ed un soffocamento davvero funzionali.

da sx: Luigi, Anderson, Fabio ed io
Ho partecipato con ardore, senza mai cedere, a 5 sparring da 6 minuti affrontando - senza giocarci il titolo mondiale, naturalmente - fasce di diverso colore e di diverso peso.
Gagliardia, rispetto e curiosità sono stati i principi a cui tutti ci siamo ispirati salutandoci poi con affetto e partecipazione.

io e Marlon
2 giorni dopo e sempre grazie alla disponibilità di Luigi, ho avuto il piacere e l'onore di conoscere Marlon Queiroz, brasiliano faixa marrom di Jiu Jitsu e specializzato nelle m.m.a.
Marlon si è dedicato con professionalità ed entusiasmo nel passarmi tecniche di allenamento tipiche nelle arti marziali miste proponendomi combinazioni interessanti davvero condite di particolari alcuni di questi mai visti!

E debbo dire che tra esercizi e tecniche...ho sudato molto!

Durante poi l'analisi di alcune tecniche di Jiu Jitsu idonee per le m.m.a., Marlon ha apprezzato alcune soluzioni che proponevo chiedendomi di passargli tutti i particolari che ero in grado di comunicare. Così, accettando l'esplicito invito di Marlon, ho partecipato ad una classe di Jiu Jitsu dove ho avuto l'onore di insegnare ai suoi ragazzi un paio di tecniche dalla guarda sentada (guardia seduta) e poi scambiare con loro 5 minuti di sparring.
Una esperienza unica e coinvolgente.

io, Marlon e Luigi
Grazie a Fabio e grazie a Marlon, e soprattutto grazie al mio amico Luigi, questa esperienza mi ha segnato e mi ha infuso un nuovo interesse verso il Jiu Jitsu e la sua comunità.
Anche se in terra portoghese, l'aria e l'idioma ricordavano la più lontana terra brasiliana ma il Jiu Jitsu è stato il comun denominatore che ha avvicinato sorrisi e intenti.

Esperienze che desidero di ripetere accompagnato dai miei allievi e tutti coloro che si avvicineranno nello Zanshin Kai Jiu Jitsu.